Come gestire i cespiti aziendali con Onda iQ

07 Mar 2017

Ogni azienda calcola il proprio patrimonio in base a diversi fattori. Uno di questi è rappresentato dai cespiti aziendali utilizzati per lo svolgimento dell’attività. In questo articolo ti illustro come è possibile gestire i cespiti aziendali con il software gestionale Onda iQ.

Come gestire i cespiti aziendali con Onda iQ gestionale

Photo by rawpixel.com on Unsplash

In commercio esistono diverse soluzioni software che permettono di monitorare e automatizzare la gestione dei beni strumentali presenti nel Libro dei Cespiti. In seguito i passaggi da compiere in Onda iQ.

Cosa sono i cespiti aziendali

I beni strumentali o cespiti sono quei beni che vengono utilizzati dall’azienda per svolgere la propria attività e che fanno parte del patrimonio aziendale.

I cespiti aziendali sono divisi in due categorie:

  • i beni materiali sono quelli “visibili”, come ad esempio: i macchinari, gli impianti, gli automezzi, i computer e gli immobili;
  • i beni immateriali sono beni privi di consistenza fisica, ne sono un esempio i costi per la realizzazione di un logo aziendale, i costi di studio e progettazione di un prodotto, i costi per i diritti di brevetto o per l’acquisto di un software.

L’acquisto di tali beni, fruibili in più esercizi, prevede una ripartizione del costo del cespite. Questa procedura è chiamata Ammortamento pluriennale.

Le società hanno l’obbligo di redigere il Libro dei Cespiti, un registro contenente tutte le informazioni riguardanti i beni acquistati. Ogni scheda dovrà contenere tutti i movimenti del bene tra cui l’acquisto, la manutenzione, l’ammortamento e la sua dismissione.

Come gestire i cespiti aziendali con Onda iQ [Parte tecnica]

La gestione dei cespiti aziendali richiede un’attività dedicata. Non basta registrare l’acquisizione e la dismissione ma bisogna gestire il calcolo degli ammortamenti, creare il Libro dei Cespiti ed effettuare la registrazione contabili delle quote annuali.

Questa attività si svolge in 3 fasi:

  1. la registrazione del cespite;
  2. il calcolo delle quote di ammortamento;
  3. la registrazione della dismissione del cespite.

Vediamo come effettuare queste operazioni con il software gestionale Onda iQ.

1. La fase di registrazione del cespite

La prima fase è  la più importante, poiché consiste nella registrazione dell’acquisto del cespite aziendale. In questo step bisogna codificare i cespiti con l’assegnazione della categoria (attrezzatura per ufficio, mezzi aziendali e molto altro) e le relative condizioni di ammortamento.

cespiti aziendali fasi di acqusizione

2. La fase di calcolo dell’ammortamento sui cespiti aziendali

Una volta registrato il cespite, in fase di redazione del bilancio e di chiusura dell’esercizio, si si dovrà provvedere al calcolo delle quote di ammortamento. Il programma si occuperà di effettuare le registrazioni sia contabili sia sul registro dei cespiti (quote fiscali e civilistiche).

cespiti aziendali calcolo ammortamento

3. La fase di registrazione della dismissione del cespite.

Al termine della vita operativa o in sede di vendita del bene, si dovrà registrare la dismissione del cespite. Nel caso in cui il bene venga venduto, sarà necessario indicarne anche il ricavo. Ciò permetterà di calcolare:

  1. plusvalenze: il prezzo di cessione è superiore al valore residuo del bene;
  2. minusvalenza: il prezzo di cessione è inferiore al valore residuo del bene;
  3. insussistenza passiva.

cespiti aziendali fase di dismissione o vendita

Come gestire i cespiti aziendali con Onda iQ: le conclusioni

Le soluzioni software gestionali permettono di semplificare alcune operazioni come la gestione del magazzino, dell’Iva per cassa e molto altro. In questo post ho descritto come gestire i cespiti aziendali con il software gestionale Onda iQ.


Alberto Nicrosini

Responsabile Area Software Gestionale. Contatti diretti con fornitori in ambito gestionale. Controllo e gestione problematiche gestionali presso i clienti. Definizione condizioni commerciali e contrattuali clienti-fornitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi articolo precedente:
Nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati: cosa conoscere e come prepararsi

Il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati?(GDPR) sarà applicato, in?tutti i Paesi UE, a decorrere dal?25 maggio 2018.?In questo...

Chiudi