Come generare una fattura elettronica in formato XML

26 Set 2018

1) Accedi al Gestionale iQ

Registra la fattura emessa/nota di credito all’interno del ciclo attivo del gestionale.

  • Compila il campo TipoDocumento
  • Questo campo va compilato solo se il tipo documento differisce da normali documenti “fatture” o “note di credito” (es.: acconto, parcella, autofattura..). Se lasci questo campo vuoto la generazione del documento XML completerà in automatico il campo indicando:

    • TD01 Fattura per le fatture;
    • TD04 Nota di Credito per le note di credito.
  • Carica l’allegato (operazione non obbligatoria)
  • Registra la fattura emessa/nota di credito all’interno del ciclo attivo del gestionale. La fattura XML verrà inviata con allegata la copia del documento in formato PDF leggibile dai tuoi clienti.

  • Verifica di aver configurato le anagrafiche, le tabelle e i parametri necessari
    • Nei Parametri Azienda indica il Regime Fiscale.
    • La Condizione di Pagamento che hai utilizzato sul documento deve aver compilato il Tipo Pagamento PA.
    • La Tipologia di Pagamento che hai gestito sulla condizione di pagamento deve aver compilato la Modalità Pagamento PA.
    • Il codice Iso sulla divisa utilizzata sul documento.
    • Sulle aliquote iva i campi natura, riferimento normativo e riferimento normativo reverse charge.
    • Nell’anagrafica del cliente indica il suo codice destinatario o la sua mail PEC.
      Queste informazioni non sono obbligatorie ma consigliamo di indicarle per il corretto recapito del documento (ad esempio un privato potrebbe non avere la mail pec). In loro assenza, il file XML generato verrà compilato con un codice destinatario convenzionale “0000000” per i clienti italiani o “XXXXXXX” per gli altri clienti.
    • Controlla di aver utilizzato il sezionale corretto.
      Non tutti i documenti emessi potrebbero essere inviati in modo elettronico.
      Potresti inviare, ad esempio, i documenti ai tuoi clienti stranieri in modo cartaceo, oppure avere clienti soggetti ai minimi, a regime forfettario, per i quali non è prevista fatturazione elettronica, oppure avere sezionali differenti per clienti PA e B2B. Per facilitare la procedura:

      • il flag “soggetto B2B” sull’anagrafica cliente identifica i clienti non PA a cui fare fatturazione elettronica;
      • il flag “fatturazione elettronica” presente sul sezionale identifica che quel sezionale dovrà essere utilizzato sui documenti che vanno trasmessi a SDI.

Alert: sezionale elettronico per un cliente B2B o viceversa

In fase di salvataggio dei documenti la procedura avvisa l’utente se si sta usando un sezionale elettronico per un cliente B2B o viceversa. Il controllo è utile per verificare che il sezionale indicato sul documento sia quello corretto.

Attenzione: se decidi di non gestire questo controllo, non avrai attivato nè il flag soggetto b2b in anagrafica né il flag sezionale elettronico sul sezionale. In questo caso al salvataggio dei documenti non verrà fatto nessun controllo e i documenti verranno mostrati su Telematico Digitale per essere processati.

2. Accedi al Telematico Digitale.

Richiama la maschera Fatturazione elettronica attiva.

  • Scegli i Documenti da visualizzare
    • Imposta i Filtri indicando il periodo di elaborazione corretto ed il tipo di elaborazione (B2B).
    • Clicca sul pulsante Successivo.Verranno mostrati tutti i documenti (fatture/note di credito) che ricadono nel periodo indicato per i clienti che non sono PA e che non sono esclusi dalla trasmissione (attraverso selezione di apposito flag anagrafico/documento).

    Potrai poi usare gli altri filtri per circoscrivere in modo ulteriore la ricerca (per cliente, per categoria cliente, per sezionale, etc.).

  • Seleziona i documenti per i quali vuoi generare l’XML
  • I documenti per i quali sarà possibile generare il file sono quelli con stato “da generare, da rigenerare o generato”. Puoi selezionarli uno per uno dal riquadro posto a lato del record oppure puoi utilizzare il bottone di seleziona stato per effettuare una selezione multipla.

  • Clicca sul bottone Genera XML e generare i file XML
  • Per allegare i file PDF al Documento: dalle impostazioni di telematico attiva il flag “Allega in automatico PDF fattura se presente sul gestionale” che allegherà automaticamente agli XML il PDF se presente sul gestionale. Diversamente i PDF dei documenti verranno allegati agli XML solo se attivo il flag sull’anagrafica cliente “allegati automatici in file XML”. Inoltre verrà aggiornato lo stato del documento portandolo a “generato”.

  • I file correttamente generati verranno caricati nella cartella “da inviare” pronti per essere inviati
  • I file non validati verranno caricati nella cartella “errati”. Per questo ultimo caso verrà comunque mostrato nell’esito il log degli errori rilevati. In entrambi i casi verrà mostrato sulla griglia di selezione il corrispondente file XML generato per ogni documento.


Alessandro Brocchetta

Assistenza software Area Software Gestionali OndaiQ e OceanoiQ presso Atc Service Srl.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi articolo precedente:
Telematico Digitale: come generare il file XML e inviarlo a SDI

Una volta che il documento è stato registrato all’interno del gestionale iQ, è possibile generare il file XML e trasmetterlo...

Chiudi
Come generare una fattura elettronica in formato XML | Atc Service

Come generare una fattura elettronica in formato XML

26 Set 2018

1) Accedi al Gestionale iQ

Registra la fattura emessa/nota di credito all’interno del ciclo attivo del gestionale.

  • Compila il campo TipoDocumento
  • Questo campo va compilato solo se il tipo documento differisce da normali documenti “fatture” o “note di credito” (es.: acconto, parcella, autofattura..). Se lasci questo campo vuoto la generazione del documento XML completerà in automatico il campo indicando:

    • TD01 Fattura per le fatture;
    • TD04 Nota di Credito per le note di credito.
  • Carica l’allegato (operazione non obbligatoria)
  • Registra la fattura emessa/nota di credito all’interno del ciclo attivo del gestionale. La fattura XML verrà inviata con allegata la copia del documento in formato PDF leggibile dai tuoi clienti.

  • Verifica di aver configurato le anagrafiche, le tabelle e i parametri necessari
    • Nei Parametri Azienda indica il Regime Fiscale.
    • La Condizione di Pagamento che hai utilizzato sul documento deve aver compilato il Tipo Pagamento PA.
    • La Tipologia di Pagamento che hai gestito sulla condizione di pagamento deve aver compilato la Modalità Pagamento PA.
    • Il codice Iso sulla divisa utilizzata sul documento.
    • Sulle aliquote iva i campi natura, riferimento normativo e riferimento normativo reverse charge.
    • Nell’anagrafica del cliente indica il suo codice destinatario o la sua mail PEC.
      Queste informazioni non sono obbligatorie ma consigliamo di indicarle per il corretto recapito del documento (ad esempio un privato potrebbe non avere la mail pec). In loro assenza, il file XML generato verrà compilato con un codice destinatario convenzionale “0000000” per i clienti italiani o “XXXXXXX” per gli altri clienti.
    • Controlla di aver utilizzato il sezionale corretto.
      Non tutti i documenti emessi potrebbero essere inviati in modo elettronico.
      Potresti inviare, ad esempio, i documenti ai tuoi clienti stranieri in modo cartaceo, oppure avere clienti soggetti ai minimi, a regime forfettario, per i quali non è prevista fatturazione elettronica, oppure avere sezionali differenti per clienti PA e B2B. Per facilitare la procedura:

      • il flag “soggetto B2B” sull’anagrafica cliente identifica i clienti non PA a cui fare fatturazione elettronica;
      • il flag “fatturazione elettronica” presente sul sezionale identifica che quel sezionale dovrà essere utilizzato sui documenti che vanno trasmessi a SDI.

Alert: sezionale elettronico per un cliente B2B o viceversa

In fase di salvataggio dei documenti la procedura avvisa l’utente se si sta usando un sezionale elettronico per un cliente B2B o viceversa. Il controllo è utile per verificare che il sezionale indicato sul documento sia quello corretto.

Attenzione: se decidi di non gestire questo controllo, non avrai attivato nè il flag soggetto b2b in anagrafica né il flag sezionale elettronico sul sezionale. In questo caso al salvataggio dei documenti non verrà fatto nessun controllo e i documenti verranno mostrati su Telematico Digitale per essere processati.

2. Accedi al Telematico Digitale.

Richiama la maschera Fatturazione elettronica attiva.

  • Scegli i Documenti da visualizzare
    • Imposta i Filtri indicando il periodo di elaborazione corretto ed il tipo di elaborazione (B2B).
    • Clicca sul pulsante Successivo.Verranno mostrati tutti i documenti (fatture/note di credito) che ricadono nel periodo indicato per i clienti che non sono PA e che non sono esclusi dalla trasmissione (attraverso selezione di apposito flag anagrafico/documento).

    Potrai poi usare gli altri filtri per circoscrivere in modo ulteriore la ricerca (per cliente, per categoria cliente, per sezionale, etc.).

  • Seleziona i documenti per i quali vuoi generare l’XML
  • I documenti per i quali sarà possibile generare il file sono quelli con stato “da generare, da rigenerare o generato”. Puoi selezionarli uno per uno dal riquadro posto a lato del record oppure puoi utilizzare il bottone di seleziona stato per effettuare una selezione multipla.

  • Clicca sul bottone Genera XML e generare i file XML
  • Per allegare i file PDF al Documento: dalle impostazioni di telematico attiva il flag “Allega in automatico PDF fattura se presente sul gestionale” che allegherà automaticamente agli XML il PDF se presente sul gestionale. Diversamente i PDF dei documenti verranno allegati agli XML solo se attivo il flag sull’anagrafica cliente “allegati automatici in file XML”. Inoltre verrà aggiornato lo stato del documento portandolo a “generato”.

  • I file correttamente generati verranno caricati nella cartella “da inviare” pronti per essere inviati
  • I file non validati verranno caricati nella cartella “errati”. Per questo ultimo caso verrà comunque mostrato nell’esito il log degli errori rilevati. In entrambi i casi verrà mostrato sulla griglia di selezione il corrispondente file XML generato per ogni documento.


Alessandro Brocchetta

Assistenza software Area Software Gestionali OndaiQ e OceanoiQ presso Atc Service Srl.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi articolo precedente:
Telematico Digitale: come generare il file XML e inviarlo a SDI

Una volta che il documento è stato registrato all’interno del gestionale iQ, è possibile generare il file XML e trasmetterlo...

Chiudi