Agevolazione per le imprese: credito d’imposta ricerca sviluppo e innovazione

05 Apr 2016

Approvata con la finanziaria 2014, in vigore dal gennaio 2015, la normativa su ricerca e sviluppo. Codificata come art.190 permette a tutte le aziende (piccole, medie e grandi) con qualsiasi assetto sociale e facenti parte di qualsiasi categoria, di recuperare le spese sostenute per migliorare la propria azienda. In questo articolo i dettagli.

credito d'imposta ricerca e sviluppo

Photo by rawpixel.com on Unsplash

Si possono considerare costi assimilabili a innovazione e sviluppo dell’azienda e quindi recuperabili secondo la normativa ogni:

  • investimento;
  • cambio di metodo di lavoro;
  • inserimento di una nuova figura;
  • nuova campagna marketing;
  • avanzamento ICT.

Cos’è il credito d’imposta ricerca e sviluppo

L’agevolazione fiscale consiste in un credito d’imposta pari al 50% dell’eccedenza delle spese di ricerca e sviluppo sostenute in ogni singolo anno nel periodo 2016 – 2020.

La Legge è retroattiva, oggi si possono controllare gli anni 2016 e 2017 e verificare se sono state fatte attività innovative.

L’importo minimo di spesa agevolabile di ogni singolo anno è pari a 30.000€.

Spese ammissibili

Le spese di ricerca e sviluppo sono volte all’acquisizione di nuove conoscenze, all’accrescimento di quelle esistenti e al loro utilizzo per nuove applicazioni:

  • mettere a punto nuovi prodotti, processi e servizi;
  • miglioramento di quelli esistenti.

Rientrano tra le spese eleggibili:

  • spese per il personale dedicato alle attività di ricerca e sviluppo;
  • relative a contratti di ricerca stipulati con Università, enti di ricerca ed equiparati e con altre imprese, comprese startup innovative e professionisti;
  • competenze tecniche e consulenze, due diligence, rientrano ad esempio le spese per acquisto di software finalizzati alle attività di ricerca e sviluppo ammissibili;
  • recupero del credito.

Recupero del credito

Il credito d’imposta può essere utilizzato solo in compensazione, a partire dall’anno successivo a quello in cui i costi sono stati sostenuti, mediante utilizzo del codice tributo 6857.

Relazione con altre agevolazioni

Uno dgli aspetti positivi di questa norma è che il beneficio si può sommare, cumulare, con le altre disposizioni:

  • Superammortamento e Iperammortamento;
  • Nuova Sabatini;
  • Patent Box;
  • Incentivi alla patrimonializzazione delle imprese (ACE);
  • Incentivi agli investimenti in Start up e PMI innovative;
  • Fondo Centrale di Garanzia.

Esempio progetto credito d’imposta ricerca e sviluppo

Progetto: “Innovazione dei processi aziendali documentali, digitalizzazione delle informazioni, dematerializzazione da cartaceo a digitale”

Nelle fasi di stesura del progetto si andranno a definire:

  • gli obiettivi da raggiungere;
  • software selection;
  • punti strategici del progetto;
  • strumenti per raggiungere gli obiettivi (escluse licenze HW e SW);
  • processi di innovazione;
  • prototipazione.

Esempio costo attività ricerca e innovazione: 100.000 €
Esempio costo attività interna del personale: 200.000 €
Totale esempio costo: 300.000 €

Recupero 50%:   150.000 €

Processo di certificazione del progetto

Nell’attività di consulenza entra anche la fattura del Revisore che certifica il progetto, il Commercialista o i Revisori dei Conti, Collegio Sindacale.

Il progetto non ha bisogno di nessuna autorizzazione esterna all’impresa.

I nostri servizi

I nostri consulenti sono a disposizione per un audit iniziale, in forma gratuita, per delineare le macro aree di intervento e procedere con i vari step.

Individuare i costi e i progetti che possono essere gestiti.

Verifica ed approvazione del progetto da parte di un Ente accreditato dal MiSE.

Gestione del progetto ed erogazione attività. 

Preparazione della documentazione da allegare a bilancio per il credito d’imposta.
Revisione e certificazione contabile a cura di professionista abilitato.

Fonti: Ministero dello sviluppo economicoGuida Fisco

Per maggiori informazioni, contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetto la Privacy Policy ed i Termini e Condizioni.

Accetto di ricevere materiale informativo in relazione al servizio offerto.
SiNo


Claudia Garbagna

Sono responsabile del parco Clienti aziendale di Atc Service dal 2000. Gestisco le trattative, organizzo e studio le strategie adatte per soddisfare le esigenze dei clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
Firma digitale: la marcatura temporale dei documenti

Per riuscire a collocare nel tempo, in modo opponibile a terzi, l'esistenza della firma digitale del documento informatico, bisogna utilizzare il servizio di marcatura...

Chiudi